Cyberpunk 2077, rimborsi per le versioni old-gen: le scuse di CD Projekt RED

Xbox

Per i neo-giocatori di Cyberpunk 2077 la settimana viene inaugurata con una nuova comunicazione da parte di CD Projekt RED. Dopo un lancio piuttosto burrascoso, lo studio polacco si scusato con gli utenti per gli errori commessi con le versioni PlayStation 4 e Xbox One del suo gioco di ruolo. Si inoltre parlato dei rimborsi richiesti da molti giocatori, delusi dall’insufficiente livello prestazionale raggiunto su alcune piattaforme e, soprattutto, per il grande quantitativo di bug.

Cyberpunk 2077: prime patch in arrivo, chiarimenti sui rimborsi

Gli ultimi giorni sono stati particolarmente movimentati per il team di CD Projekt RED.

Molti dei giocatori che hanno acquistato la propria copia di Cyberpunk 2077 per PS4 e PS5 hanno contattato Sony nel tentativo di richiedere un rimborso. I motivi? I continui crash, gli innumerevoli bug e gli altri problemi che affliggono il gioco, per non parlare del deludente comparto grafico proposto con le versioni old-gen – e quindi su PlayStation 4 e Xbox One.

Oggi arrivano le scuse ufficiali della software house di Varsavia. CD Projekt RED ammette che lo sviluppo delle suddette versioni sarebbe dovuto andare diversamente, rivolgendo maggiore attenzione alle prestazioni ottenute sulle “vecchie” console di Sony e Microsoft.


Come recita il comunicato ufficiale, dopo le vacanze natalizie verranno rilasciate due grandi patch, previste per gennaio (Patch 1) e febbraio (Patch 2). “Insieme, questi aggiornamenti dovrebbero risolvere i problemi pi importanti che i giocatori devono affrontare sulle console di scorsa generazione“, spiegano i producer di CD Projekt RED. Il team specifica che, queste patch, “non faranno sembrare che il gioco su old-gen funzioni come su un PC di fascia alta o su una console di nuova generazione, ma sar pi vicino a quell’esperienza di quanto non lo sia ora”.

Una precisazione doverosa, dal momento che Cyberpunk 2077, almeno su PC, PlayStation 5 e Xbox Series X, pu offrire prestazioni pi che dignitose rispetto alle controparti di scorsa generazione. Anche Google Stadia garantisce una migliore esperienza sul fronte prestazionale: un’opzione da valutare, soprattutto se si sprovvisti di un PC high-end o di una console next-gen.

Tornando a parlare dei rimborsi, CD Projekt RED non pu giustificarsi: “Vi saremmo grati se ci concedeste una possibilit, ma se non siete soddisfatti del gioco cos com’ su console e non volete aspettare gli aggiornamenti, potete scegliere di rimborsare la vostra copia”.

Gli sviluppatori spiegano che possibile rivolgersi al PSN o a Xbox per quel che concerne gli acquisti digitali, mentre gli acquirenti delle copie fisiche dovranno fare un tentativo presso il negozio di riferimento. In alternativa, la soluzione arriva direttamente da CD Projekt: “Se ci non fosse possibile, contattateci all’indirizzo helpmerefund@cdprojektred.com e faremo del nostro meglio per aiutarvi”; possibile contattare lo sviluppatore fino al 21 dicembre 2020.

Il comunicato, firmato dai dirigenti di CD Projekt RED, si conclude con la promessa che gli aggiornamenti appena citati arriveranno anche su PC, dove Cyberpunk 2077 soffre degli stessi bug e dei problemi individuati sulle console casalinghe.

Sempre sui sistemi Windows, Cyberpunk 2077 ha regalato a Steam un nuovo importante record: la piattaforma ha registrato la bellezza di 24,804,148 utenti collegati simultaneamente. Il contributo del GdR fantascientifico stato fondamentale, avendo portato almeno un milione di giocatori nel giorno del suo debutto. Ricordiamo, del resto, che l’opera di CD Projekt RED ha venduto oltre 8 milioni di copie durante la sola fase di preordine, tra le diverse piattaforme supportate.

Post sorgente