Cina: riconoscimento facciale per impedire ai bambini di giocare di notte

Xbox

Niente pi partite notturne per i giovani videogiocatori residenti in Cina. Tencent ha appena introdotto un sistema di sicurezza biometrico in alcuni suoi titoli mobile: tramite il riconoscimento facciale, il gioco verificher l’identit dell’utente e, a quel punto, impedir l’accesso ai minori che tenteranno di giocare durante le ore notturne. Sembra un altro bizzarro episodio di Black Mirror, eppure realt. Il sistema brevettato da Tencent si estender ad altri popolari giochi per smartphone e tablet, in conformit alle nuove norme dettate dal governo cinese.

La soluzione di Tencent per limitare il tempo di gioco dei minori

Nel 2019, l’ente governativo responsabile della regolamentazione dell’industria dei videogiochi in Cina ha annunciato una nuova serie di restrizioni: ogni compagnia avrebbe dovuto implementare un sistema di verifica del nome reale all’interno dei propri titoli, oltre a una limitazione del tempo di gioco per i bambini. Secondo il divieto imposto dal Partito Comunista Cinese, i minori non possono giocare tra le 10 di sera e le 8 del mattino e, oltretutto, il loro tempo di gioco limitato a 90 minuti al giorno. Per i bambini c’ anche un limite per gli acquisti in-game.

A quanto pare, questi sistemi di sicurezza potevano essere aggirati senza troppi problemi, il che ha spinto aziende come Tencent a progettare una soluzione pi efficace.

Il colosso tecnologico, proprietario di societ come Riot Games (League of Legends) e Funcom (Age of Conan), ha scelto un sistema di riconoscimento facciale per verificare l’et della persona che ha effettuato l’accesso a uno dei suoi giochi mobile. Questa soluzione stata gi implementata all’interno di 60 titoli per smartphone e tablet, tra cui Honor of Kings e Game for Peace, ma Tencent ha intenzione di estendere il roll-out ad altre applicazioni.

Il funzionamento del nuovo “Midnight Patrol” di Tencent piuttosto semplice. Gli utenti che accederanno ai giochi mobile tra le 10 di sera e le 8 del mattino dovranno superare un rapido check: tramite la fotocamera frontale dello smartphone, il sistema biometrico acquisir il volto del giocatore per verificare la sua identit e l’et. Se il sistema dovesse rilevare la presenza di un minore, l’accesso al gioco verr bloccato immediatamente.

Una soluzione di questo tipo solleva per diversi dubbi, soprattutto per quanto concerne la privacy. I dati collezionati tramite la fotocamera del telefono potrebbero essere riutilizzati per altri scopi, in maniera simile a quanto avviene con il Sistema di Credito Sociale, il quale pu penalizzare i cittadini che manifestano comportamenti ritenuti inadatti dal governo cinese.

C’ inoltre il “rischio” che, in futuro, un sistema di questo tipo possa approdare anche in giochi come League of Legends. Nel 2019, l’americana Riot Games aveva gi subito pressioni da Tencent per l’implementazione di misure anti-dipendenza nella versione cinese del popolare MOBA, una questione che aveva innescato le feroci polemiche della community di LoL. Per il momento, i giocatori cinesi di League of Legends continueranno a giocare senza preoccupazioni, ma il riconoscimento facciale potrebbe sempre arrivare con uno dei prossimi update.

Post sorgente